Informazioni sul metodo
Osteopatia / etiopatia

Significato

L'osteopatia (greco "osteon" = osso, "pathos" = sofferenza) e l'eziopatia (greco "aitia" = causa) sono sotto aree della medicina manuale. Sono metodi di guarigione che utilizzano tecniche speciali per migliorare la funzionalità e la mobilità dello scheletro e dei muscoli scheletrici per stimolare i poteri di autoguarigione del corpo.

Origine

La guarigione delle malattie mediante varie manipolazioni manuali è nota in molte culture. Le prime prove di questi metodi si trovano in Egitto (3000 a.C.), in Cina (2000 a.C.) e con i Caldei in Babilonia (1000-600 a.C.). Tra le tecniche di medicina manuale utilizzate oggi ci sono la chiropratica, l'osteopatia e l'eziopatia.

L'osteopatia fu sviluppata dal medico americano Andrew Taylor Still (1828-1917), che fondò la prima scuola di osteopatia nel 1892. Si presumeva ancora che tutte le strutture del corpo, specialmente la colonna vertebrale, siano in movimento con gli organi interni e il sistema nervoso. La nuova terapia ha conosciuto un vero e proprio boom nella prima metà del XX secolo negli Stati Uniti. Oggi l'osteopatia è insegnata come materia indipendente in diverse università americane. Dal 1972 è possibile ottenere il titolo di Dottore in osteopatia (D.O.), per cui il dottorato osteopatico in America è equivalente al dottorato medico: gli osteopati americani prescrivono farmaci, usano iniezioni ed eseguono operazioni. Il trattamento manuale di solito non è l'obiettivo principale.

In Europa, l'osteopatia ha avuto uno sviluppo diverso. Uno studente di Still, John Martin Littlejohn (1866-1947), portò l'osteopatia come forma manuale di medicina a Londra. Lì fondò, nel 1917, l’ancora esistente "British School of Osteopathy". In Inghilterra l'osteopatia è ormai una delle procedure consolidate della medicina complementare e alternativa; ma anche in Francia, Belgio, Germania, Italia, e Svizzera,ad esempio, il metodo ha coinvolto molti seguaci.

In Francia, una variante dell'osteopatia, la cosiddetta eziopatia, è stata sviluppata negli anni '60. Un incidente sportivo e la conseguente nevralgia sciatica hanno spinto il filosofo e matematico francese Christian Trédaniel (nato nel 1934) a studiare in dettaglio metodi di trattamento manuale come la chiropratica, l'osteopatia e la fisioterapia. Dopo studi approfonditi, Trédaniel ha sviluppato un proprio metodo di diagnosi e terapia, che analogamente all'osteopatia - si basa su una combinazione di tecniche manuali e moderne conoscenze di anatomia e fisiologia.

Basi

Il concetto di osteopatia si basa sulle seguenti idee di base:
- Corpo, mente e anima formano un'unità funzionale.
- Il corpo ha meccanismi di autoregolazione e di autoguarigione.
- Tutte le funzioni corporee dipendono dalla capacità del sangue e del fluido linfatico di fluire senza ostacoli, così da garantire un mantenimento e uno equilibrio ottimale di tutti i tessuti rispettivamente delle cellule.


Sulla base di questi principi, gli osteopati partono dal presupposto che il corpo può funzionare in modo ottimale solo se è in grado di eseguire i suoi movimenti naturali. Ciò significa non solo i movimenti evidenti delle articolazioni e delle estremità, ma anche i movimenti inconsci degli organi interni e delle strutture corporee come il tessuto connettivo (fascia), il ritmo cardiaco, la peristalsi intestinale o la fluttuazione dell' liquido cerebrospinale. Le strutture del corpo si influenzano a vicenda nella loro funzione. I malfunzionamenti permanenti in un'area sovraccaricano le possibilità di compensazione del corpo e possono provocare disturbi e malattie in altre parti del corpo.

Lo scopo di un trattamento osteopatico è quello di individuare le limitazioni di movimento nel corpo, di ripristinare la mobilità naturale/ fisiologica e quindi di aprire la strada alle capacità di autoguarigione/ autoregolazione del corpo. Le restrizioni di movimento ("disfunzioni") vengono trattate da diversi livelli dei tessuti del corpo: Il cosiddetto livello parietale si occupa dell'apparato di sostegno e di ritenzione del corpo con ossa, muscoli e fascia. Il sistema viscerale si concentra sugli organi interni e sulla loro mobilità, mentre il sistema craniosacrale lavora sulle ossa del cranio e sull'osso sacro.

L'eziopatia considera il corpo come un'unità di organi interni, tessuti e muscoli: Gli organi del corpo sono sostenuti e protetti dai tessuti e dalla muscolatura circostante. Affinché gli organi funzionino in modo ottimale, il tessuto deve essere elastico e deformabile. Lesioni o danni minori, che spesso non vengono nemmeno notati, possono disturbare i processi fisiologici come la circolazione sanguigna, linfatica e limitare l'elasticità e la deformabilità del tessuto. Se questa limitazione del movimento rimane permanente, possono verificarsi dolori e malattie. Secondo la teoria degli eziopati, ad esempio, l'infiammazione della mucosa nasale potrebbe risultare da blocchi articolari della colonna cervicale, poiché molti nervi che alimentano la mucosa nasale si trovano in questa zona della colonna vertebrale.



Ringraziamo l'EMR per l'approvazione dell'articolo.
Fonte: https://emr.ch/methode/osteopathie-etiopathie